Alimentare

I prodotti contaminati da pesticidi da evitare accuratamente

Mangiare sano evitando i pesticidi a tavola è possibile. Basta evitare l’acquisto di prodotti irregolari provenienti dall’estero. Ecco i dieci prodotti della blacklist stilata da Coldiretti.

La blacklist dei prodotti più pericolosi

Il Dicofol e il Carbofurano sono tra i pesticidi più pericolosi che possiamo trovare sulle nostre tavole. Evitarli è possibile selezionando prodotti controllati e biologici ed evitando prodotti non regolari provenienti dall’estero.

Tra gli alimenti più contaminati e pericolosi vi sono i peperoncini piccanti provenienti dalla Repubblica Domenicana e dall’India con un campione su cinque risultato irregolare per la presenza di residui chimici; lo dice la lista stilata da Coldiretti sulla base dei rapporti relativi ai residui di fitosanitari elaborati dall’Agenzia europea per la sicurezza alimentare.

Al secondo e al terzo posto della blacklist troviamo le bacche di Goji provenienti dalla Cina (con il 13% di campioni irregolari) e il riso dal Pakistan (12,5%).

A seguire troviamo:

  • i melograni dalla Turchia (9,1%)
  • il tè dalla Cina (8,3%)
  • l’okra (o gombo) dall’India (6,7%)
  • il Pitaya o dragon fruit proveniente dall’Indonesia (6,7%)
  • i fagioli secchi provenienti dal Brasile (6%)
  • i peperoni dolci (3,8%) e le olive da tavola (3,7%) provenienti dall’Egitto

Questi prodotti giungono in Italia contaminati da fitosanitari illegali in quanto non ammessi dalla legislazione nazionale ed europea a causa della loro pericolosità come il Dicofol, il Permethrin, l’Acephate, il Methamidophos e il Chlorfenapyr rinvenuti nei peperoncini, l’Isoprothiolane nei dragon fruit e il Tricyclazole nel riso pakistano.

Un rischio non solo per la salute

Oltre a rappresentare un rischio per la salute, non ci dobbiamo dimenticare che i prodotti fitosanitari rappresentano anche un rischio per l’ambiente legato a fattori come l’inquinamento del suolo e delle acque, i residui nella catena alimentare (biomagnificazione) e la biodegradabilità. Non solo, questi prodotti rappresentano un pericolo anche per gli esseri viventi, uccidendo non solamente gli organismi nocivi ma anche quelli utili, come le api.

E’ fondamentale quindi non solo un consumo ma anche un utilizzo consapevole dei prodotti fitosanitari, per tutelare non solo la nostra salute ma anche la nostra casa.

Fonte: Sole24Ore “Peperoncini, bacche di Goji, riso, melograno: i 10 prodotti contaminati da pesticidi da non portare a tavola”

Consultant Senior Safety and Environment

Korecon italia

per maggiori informazioni: