Ambiente

Prodotti cosmetici: stop ai test sugli animali in Messico

Il Messico è il primo Paese nordamericano ad abolire i test sugli animali per i prodotti cosmetici ed il 41° al mondo.

Non solo non verranno più condotti test sugli animali nel territorio messicano ma verranno vietati anche il marketing e l’importazione di prodotti cosmetici testati sugli animali, seppur realizzati in altri Paesi. È quanto definisce una legge federale appoggiata dal Senato.

Il prezioso contributo di un cortometraggio

Una vittoria nel campo dei diritti degli animali ottenuta grazie al supporto di due campagne condotte dall’ONG Humane Society International: una a livello locale portata avanti in collaborazione con l’ONG messicana Te protejo e identificata con l’hashtag #BeCrueltyFree e l’altra, a livello globale, attraverso la produzione e diffusione di un cortometraggio animato, “Save Ralph”, scritto e diretto da Spencer Susser che racconta le vicende di Ralph, un coniglio utilizzato come cavia per testare i prodotti cosmetici.

Il cortometraggio mostra la quotidianità di Ralph: fortemente debilitato, cieco da un occhio e sordo, preparandosi per andare “al lavoro”, Ralph spiega di come non gli importi della sua vita, in quanto dedicata al sacrificio con lo scopo ultimo di aiutare gli umani, definiti superiori; senza la sperimentazione animale sarebbe senza lavoro, un normale coniglio in un campo.

Tra i doppiatori spiccano personaggi noti, da Taika Waititi a Zac Efron. Lo stesso Waititi ha dichiarato su Twitter “Questa è una cosa interessante che arriverà presto. Se non lo guardi e non lo ami, odi gli animali e non possiamo più essere amici. #SaveRalph”.

Il cortometraggio ha avuto ampio successo e si è rivelato determinante nella sensibilizzazione di moltissime persone, permettendo la raccolta di 1,3 milioni di firme in tutto il mondo a favore dell’abolizione dei test sugli animali. Diventato subito virale, ha ottenuto oltre 150 milioni di visualizzazioni sui principali social e 730 milioni di tag su TikTok.

Potete vedere il video del cortometraggio Save Ralph cliccando sul seguente link:

https://www.youtube.com/watch?v=G393z8s8nFY

Un divieto che deve essere globale

Nell’Unione Europea i test sugli animali per i prodotti cosmetici sono da tempo vietati, dal 2004 per quanto riguarda trucchi, profumi, creme e saponi e dal 2009 per i componenti dei prodotti cosmetici; dal 2009 è anche vietato immettere sul mercato prodotti testati sugli animali provenienti da Paesi in cui ancora non vige il divieto di sperimentazione animale; l’intento è quello di estendere il divieto a livello globale. È quanto chiede il Parlamento Europeo che ha approvato il 3 maggio 2018 una risoluzione in cui si chiede l’estensione del divieto di impiego di animali a livello globale entro il 2023. Il messaggio è chiaro: i test sugli animali non sono più giustificati e per garantire la sicurezza dei prodotti non è necessario che questi vengano testati sugli animali.

Il disegno di legge è stato accolto anche dai Big della cosmesi come Lush, Unilever, P&G, L’Oréal, Avon e altri nel settore della bellezza, che stanno lavorando con Human Society International a livello globale in ottica di allineamento delle politiche, proponendo, tra l’altro, anche misure di formazione per supportare le realtà aziendali più piccole e le autorità governative nel passaggio dalla sperimentazione animale a metodi che non prevedano l’effettuazione di test sugli animali; metodi all’avanguardia già disponibili e praticabili che garantiscono la sicurezza dei prodotti senza prevedere la sperimentazione sugli animali.

Perché, come cita il cortometraggio Save Ralph, “nessun animale dovrebbe soffrire e morire in nome della bellezza”.

Fonte: Human Society International

Consultant Senior Safety and Environment

Korecon italia

per maggiori informazioni: